L’arcobaleno di profilo

Published On 21 ottobre 2011 | Esperienze

ovvero creare giochi inediti con materiali semplici

Il percorso propone un approfondimento teorico ed esperienziale dell’attività ludica come campo privilegiato di osservazione e contatto con la realtà. Attraverso l’esplorazione di una vasta gamma di materiali, i partecipanti saranno chiamati a percorrere esperienze sensoriali diversificate ponendosi le domande “cos’è questo?” e “cosa posso fare con questo?” entrando nella dinamica dell’invenzione di un gioco.
Il laboratorio intende aprire un punto di vista diverso sulla relazione con gli oggetti e i materiali, lavorando sulle percezioni sensoriali sinestetiche, sui cambi di funzione delle cose, sul legame tra immaginazione, creatività ed invenzione, dando la possibilità di aumentare gli stimoli per costruire nuove relazioni tra le cose . Un modo per approfondire come inventare un gioco che permetta al bambino di intervenire, partecipare, far esercitare la fantasia e proporre soluzioni sempre diverse.

Destinatari:
insegnanti, operatori di cooperative, genitori.
E’ previsto materiale didattico di approfondimento

Obiettivi:
– approfondire la relazione tra percezione ed emozione
– esplorare la funzione dell’oggetto e le sue potenzialità creative
– sviluppare la fantasia attraverso le affinità morfologiche
– contestualizzare e decontestualizzare
– favorire esperienze di interdisciplinareità
– approfondire la differenza tra oggetto singolo e seriale

Modalità e tempi di realizzazione:
minimo 3 incontri di 2 ore ciascuno.
Gli incontri si svolgono presso Il Salone dei Rifiutati e prevedono un numero massimo di 15 partecipanti

Suggerimenti interdisciplinari:
– educazione ambientale
– arti visive
– i cinque sensi e la percezione
universal design

Like this Article? Share it!

Comments are closed.